CNR-IBIMET climateservices.it

Dal punto di vista delle precipitazioni Agosto è risultato meno piovoso della norma. Le precipitazioni, a carattere temporalesco, si sono concentrate soprattutto nella terza decade del mese ed hanno interessato le zone interne orientali ed appenniniche settentrionali. Anche il numero di giorni piovosi dei capoluoghi è stato inferiore alla media di circa il 50%.

Termicamente, Agosto è stato più caldo, risultando il sesto Agosto più caldo della Toscana dal 1955. Le anomalie positive hanno interessato sia le massime che le minime, con valori superiori ai +2°C soprattutto nelle zone interne.

Pioggia | Sotto la media
Giorni piovosi capoluoghi | Sotto la media

N.B.: Per il periodo Autunno-Invernale le informazioni vengono fornite mensilmente e sono riferite ai soli indicatori pluviometrici, in quanto le immagini satellitari sono negativamente condizionate dalla copertura nuvolosa.

INDICE PLUviomerico SPI

L’indice pluviometrico SPI calcolato per Agosto sul breve periodo non evidenzia particolari anomalie, se non un surplus più esteso nella zona di Arezzo. Sul medio periodo il surplus si estende ed intensifica verso sud e sull’Appennino fiorentino. Rispetto al lungo periodo, invece, la situazione vede ancora il Valdarno medio-inferiore in condizioni di deficit.

indice giornaliero EDI

L’indice giornaliero EDI sui 10 capoluoghi indica un trend in generale diminuzione quasi ovunque tranne che ad Arezzo, dove le precipitazioni a carattere temporalesco pomeridiano hanno favorito un surplus elevato. Firenze e Prato chiudono il mese nella fascia di siccità moderata.

INDICE SATELLITARE VHI

L’indice di stato di salute della vegetazione relativo ai due periodi fra fine Luglio e fine Agosto mostrano entrambi una situazione di assenza di stress generalizzata con piccole zone sparse di stress che sono più evidenti fra il 13 e il 28 Agosto lungo il Valdarno medio-inferiore e il grossetano.

Invaso del Bilancino

L’invaso di Bilancino, con 54,56 milioni di m3, chiude Agosto in flessione rispetto al valore registrato alla fine del mese precedente (62,45 milioni di m3), e scende al 78,1% della sua capacità (dati Publiacqua S.p.A.).

Dal confronto con i valori dei due anni precedenti Agosto 2019 si pone a metà fra il 2017, anno caratterizzato da una lunga siccità, e il 2018.

Archivio bollettini

Pagina dei bollettini pubblicati

Archivio Lamma

Archivio storico (2012-2018) bollettini LaMMA (PDF)

Partecipa all'indagine sulla siccità

Questa indagine (in Italiano) ci aiuta a conoscere meglio i bisogni di informazione degli users così da migliorare i nostri servizi.