CNR-IBIMET climateservices.it

Toscana Siccità

Informazioni mensili sull’andamento climatico e sulla risposta degli ecosistemi a periodi di siccità più o meno estesi, attraverso il monitoraggio costante e l’utilizzo di specifici indici di pioggia ed elaborazioni di immagini satellitari.

Questo servizio è solo in lingua italiana

Dal punto di vista meteorologico Aprile è risultato meno piovoso della norma in quasi tutta la regione, eccetto che in Lunigiana. Le precipitazioni sono occorse per lo più nella prima metà del mese, con cumulati di 100-200 mm nella provincia di Massa e sui rilievi lucchesi e pistoiesi, mentre nella provincia di Firenze e sull’Appennino orientale si è avuto il deficit maggiore. Anche il numero di giorni piovosi è stato inferiore con circa 2.5 giorni in meno sui capoluoghi.

Termicamente Aprile è stato decisamente più caldo, sia nelle massime che nelle minime (oltre 1 °C in più rispetto alla norma). Le anomalie delle massime, in particolare, sono state anche superiori ai 3°C nelle zone interne e collinari-montane, regalando il primato di secondo Aprile più caldo dal 1955, dopo quello del 2007. La stazione di Grosseto, il 20 del mese, ha fatto segnare il primato di temperatura più alta mai registrata dallo strumento ad Aprile: 29.4 °C.

Pioggia | Sotto la media
Giorni piovosi capoluoghi | sotto la media

N.B.: Per il periodo Autunno-Invernale le informazioni vengono fornite mensilmente e sono riferite ai soli indicatori pluviometrici, in quanto le immagini satellitari sono negativamente condizionate dalla copertura nuvolosa.

INDICE PLUviomerico SPI

L’indice pluviometrico SPI calcolato per Aprile relativo agli ultimi tre mesi evidenzia una situazione di surplus in tutta la regione ed in particolare nell’interno. Rispetto all’anno idrologico (che parte da Ottobre 2017) tutto il territorio è nella norma, con una stretta fascia settentrionale di surplus da lieve a moderato. Anche sul lungo periodo (12 mesi) la situazione è rientrata nella norma praticamente ovunque.

indice giornaliero EDI

L’indice giornaliero EDI sui capoluoghi toscani evidenzia una ripida discesa dei valori, dovuti alla quasi totale assenza di piogge dell’ultima decade del mese. Sono inoltre evidenti i picchi dovuti alle precipitazioni più significative, concentrate nelle prime 2 decadi. Nonostante il netto trend in diminuzione le stazioni rimangono per lo più nella fascia media o di lieve surplus, con Lucca e Pistoia unici capoluoghi con valori di surplus estremo.

INDICE SATELLITARE VHI

L’indice di stato di salute delle piante VHI (Vegetation Health Index) L’indice VHI relativo alla parte centrale di Aprile mostra condizioni ottimali estese nella porzione settentrionale e frammezzate da situazioni di stress nella parte restante della regione. Nel periodo successivo le condizioni ottimali si estendono. La vegetazione forestale centro-meridionale presenta ancora delle aree di stress, in particolare nel grossetano, a conferma di quanto evidenziato anche con le anomalie NDVI.

Invaso del Bilancino

L’invaso di Bilancino, 69 milioni di m3, chiude Aprile praticamente al massimo della sua capienza e in netto aumento rispetto al valore registrato alla fine del mese precedente (64 milioni di m3) (dati Publiacqua S.p.A.).

portate dei corsi d’acqua

Le portate dei corsi d’acqua (dati del Servizio Idrologico Regionale) risultano in media rispetto ai dati a disposizione (dal 1983), con il Serchio che segna valori anche superiori.

falde sotterranee

I livelli delle falde sotterranee sono per lo più superiori all’altezza media, eccetto che per le stazioni dei corpi idrici livornesi di Cecina e San Vincenzo, e di Grosseto e Follonica, in cui persistono valori inferiori alla fascia media (dati del Servizio Idrologico Regionale).

Partecipa all'indagine sulla siccità

Questa indagine (in Italiano) ci aiuta a conoscere meglio i bisogni di informazione degli users così da migliorare i nostri servizi.